Cava d’Ispica – Tra Modica e Ispica

Scritto da Antica Dolceria Bonajuto ,
il 03 Giugno 2019

Cava d’Ispica è uno dei più importanti canyon del territorio siculo in cui è possibile fare trekking, escursioni e passeggiate archeologiche. Si estende per ben 13 km nel territorio tra le città di Modica e Ispica. Come una grande macchina del tempo ci teletrasporta all’epoca del paleolitico e ci narra la storia delle civiltà che hanno vissuto in questo luogo fino al terremoto del 1693. La parte nord prende proprio il nome di Cava d’Ispica, dal versante di Modica; la parte sud, invece, viene denominata Parco della Forza.
Il sito propone molte attrazioni archeologiche come necropoli preistoriche, abitazioni e strutture tutte scavate nella roccia e immerse nella macchia mediterranea. Qui si possono trovare alberi di carrubo, olivi selvatici, palme nane, lecci, platani ma anche, nel sottobosco, felci, edere, salvie profumate e asparagi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ash hiebert (@ashpea85) in data:

Come prepararsi all’escursione alla Cava d’Ispica?
È meglio attrezzarsi adeguatamente per questa gita con scarpe da trekking, giacca a vento (in estate di tipo leggero), pranzo a sacco e acqua per rinfrescarsi.

Da Cava Ispica Occidentale al Parco della Forza: un viaggio nel passato

Partendo dalla Cava Ispica Occidentale possiamo vedere la Chiesa di San Pancrati, una delle più antiche del luogo, che risale alla metà del VI secolo. È suddivisa in tre navate e la sua particolarità sta nella costruzione: è stata realizzata, infatti, con blocchi megalitici. La contrada Baravitalia (o Baravitadda in dialetto siciliano) è ricca di capanne e focolai dell’antico villaggio di Isbarha; ospita anche la tomba di un nobile caratterizzata da 10 finti pilastrini ricavati ai lati dell’ingresso. Per chi è appassionato di storia e voglia conoscere le usanze dei nostri avi, resterà impressionato dall’enorme catacomba paleocristiana della Larderia del IV-V secolo d.C., dove si contano ben 464 tombe.
Sempre in questa zona possiamo trovare altri complessi trogloditici come le Grotte di Santa Maria, le Grotte Cadute – che si sviluppa su ben cinque livelli – e la Spezeria, una grande sala quadrangolare con diverse mensole scavate nella roccia. L’unico superstite in questa zona è il settecentesco Mulino che era alimentato dal torrente Busaidone tramite un lunghissimo canale d’acqua scavato nella roccia. Il meccanismo, in stile arabo, è ancora perfettamente funzionante. Si può anche visitare la casa del mugnaio e il museo all’interno delle grotte, in cui si trovano ambienti di lavoro con i vari utensili dell’epoca. Qui info su Cavallo d’Ispica e il mulino ad acqua.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roberto Modica (@robymod79) in data:

Nella Cava Ispica centrale si erge il Castello, formato da una strapiombante parete calcarea di trenta metri dove gli ambienti sono scavati nella grotta e collegati tra essi attraverso scale interne. A breve distanza ci si imbatte nel Convento, dove è visibile un corridoio in cui si aprono stanzette piccolissime che assomigliano a delle cellette monacali. Ancora oggi si crede che l’acqua che scorre in questo luogo sia miracolosa, che serva a guarire malattie della pelle, e si lascia in pegno un proprio indumento in cambio del miracolo. In realtà è la sua ricchezza di zolfo, che trae attraverso queste antiche pietre, che la rende preziosa.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @bubbuxu in data:

La cava Ispica meridionale, chiamata anche Parco della Forza, è la zona che è stata abitata fino al terremoto del 1693. Il Fortilitium era proprietà di una potente famiglia, i Statella, in cui si erge un castello protetto da un fossato che si poteva superare tramite ponte levatoio. Purtroppo dopo la grande catastrofe naturale sono rimaste solo le mura a strapiombo e la scuderia, dove ancora sono visibili le mangiatoie e gli occhielli per legare gli animali. Oltre alle varie Chiese rupestri, come la Chiesa dell’Annunziata, la chiesetta di Santa Maria della cava, le catacombe e il camposanto, è importante visitare Spaccaforno. Questo luogo è l’antico paese di Ispica, che fu totalmente distrutto dal terremoto e poi ricostruito in un altro territorio. Le abitazioni sono distribuite su vari gradoni rocciosi in cui si vedono ancora lucernari, camini, finestre e grondaie, simbolo di una popolazione scomparsa in una sola notte, l’11 gennaio 1693.

  • Nota: per l’estate 2019 l’ingresso da Cava Ispica Occidentale è chiuso per manutenzione. Dovrebbe – condizionale d’obbligo – riaprire ad ottobre 2019.

COME ARRIVARE ALLA CAVA D’ISPICA IN AUTO
Se usi Google Maps o il punto di arrivo è “Crocevia Cava Ispica” (clicca per aprire la posizione)
Da Modica è raggiungibile in auto proseguendo sulla SS.115 in direzione Ispica (S.P. Modica-Cava Ispica)
Da Ispica in direzione Modica fino ad incontrare la segnaletica “Cava d’Ispica” (S.P. Modica-Cava Ispica).

Link di riferimento:

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sebastiano Leggio (@archeoseby) in data:

* * *
La foto di copertina è di Ambra Galassi: link.

Articoli della stessa Categoria

Sicilia notturna, l’isola di notte

Sicilia notturna, l’isola di notte

La Sicilia notturna ci racconta una storia poco conosciuta, per certi ersi ignorata, sicuramente sottovalutata. Abbiamo chiesto ad Emilio Messina (Instagram)…