Modica / Raffaele Di Rosa

Scritto da Antica Dolceria Bonajuto ,
il 14 dicembre 2018

Nei momenti di silenzio, nelle albe, nei tramonti, di notte. Quando ci sono le sere di luna piena, che sia estate o inverno. Quando le luci si accendono, ma il giorno non è ancora andato via. Raffaele Di Rosa, avvocato di professione, è uno di quelli che, da innamorato della sua città e della sua provincia,  prova a raccontare Modica attraverso la fotografia. Le sue foto si possono trovare sulla sua pagina Facebook o sul suo canale Instagram

Nelle tue foto la figura umana è quasi sempre assente…
In genere prediligo scattare all’alba o al tramonto perchè l’atmosfera di quei momenti ed i colori che regalano sono irripetebili. Utilizzo poco la figura umana perché la passione per la fotografia per me è anche un momento di riflessione, una valvola di sfogo rispetto al trambusto della vita quotidiano, motivo per cui mi piace partire pomeriggi interi, vagare per la campagna o per Modica e prendermi tutto il tempo che voglio. La cosa sarebbe inconciliabile se avessi delle persone al seguto, ma ti confesso che ultimamente un pensierino lo sto facendo.

Con quale attrezzatura scatti?
Utilizzo principalmente una reflex, la Nikon D810, una semi-pro, cui abbino il più delle volte un obiettivo grandangolare perché mi piace fotografare ad ampio respiro, utilizzando una prospettiva che restituisca una sensazione di libertà, di aria e di immersione nello scatto, cosa che i tele non fanno. Alla reflex ho affiancato da poco una mirrorless, molto più piccola e leggera, utilissima per le escursioni impegnative, tipo quelle sull’Etna, che faccio spesso. Ovviamente poi il cavalletto rappresenta il mio compagno fissa per il 90 per cento dei miei scatti.

Fotografi che ti hanno segnato e a cui ti ispiri?
Non ho particolari idoli, ma dovendo fare qualche nome posso dirti Marc Adamus, Julian Calverley, per il colore. Ansel Adams e Michael Kenna per il bianco e nero. La fotografia comunque ha così tanti spunti che alla fine è decisamente soggettiva.

 

 

 

 

Articoli della stessa Categoria

Sicilia, l’isola mai vista

Sicilia, l’isola mai vista

“Vista dall’alto, la Sicilia non somiglia affatto a ciò che se ne coglie al livello del suolo. E sembra persino…

FATTOJO BONAJUTO

FATTOJO BONAJUTO

Istituisco per mio erede legittimo mio figlio don Federico Bonajuto, e lascio atto presso in isconto della legittima predetta il…

CHEF / LORENZO RUTA

CHEF / LORENZO RUTA

Lorenzo Ruta è lo chef della Taverna Migliore di Modica. Ha 31 anni, è modicano “doc” e ha l’espressione da…